In nome di Maria

Con il Papa

Solidità della Dottrina e della Tradizione

I testimoni della origini

 

home
- è lecito?
a Fatima
- Rosario
- segreto
- simboli
- disegni di misericordia

"Martiri"
- S. Stefano
- S. Paolo
- Gamla

- motivi ragionevoli

4 Vangeli
- Vangeli storici
- Vangeli, Evangelisti, simboli
- documentazione

- commento Vangelo domenica

- immagini illustrazione Vangeli

Storia dei 4 Vangeli
- form. word
- form pdf
Prologo di Luca
- form. word
- form. pdf

Gesù, il Cristo
- form. word
- form. pdf

- vita pubblica

- video

- luoghi della passione

 

Apocalisse
- form. word
- form. pdf
cronologia
- date del tempo di Gesù
- linea del tempo
- cronologie varie
- linea del tempo della vita di Gesù
- date Giovanni Massaro

esempi di lettura dei Vangeli
- storica
- combinazione
- sinossi
- sinossi e concretezza

scrivi

- domande di bambini e ragazzi

- condivisione


IV domenica di Quaresima

- Anno B -

 

indice delle feste

 

Vangelo secondo Giovanni

Gv 3,14-21

 

14 come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell'uomo, 15perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna.

16Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. 17io, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. 18Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio.

19E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. 20Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. 21Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio".

 

 

Introduzione

 

Vedere l'introduzione generale.

 

Il primo insegnamento di Gesù, dettato a Giovanni 

 

Gesù ebbe il primo confronto con un maestro della legge, Nicodemo. Il nome era greco e certamente parlava questa lingua, come molti altri sia a Gerusalemme sia nel resto della Palestina.

Ciò è importante, perché ci permette di concludere che Gesù ha dettato all'evangelista Giovanni le parole di questo brano evangelico in greco, come sono arrivate fino a noi.

Sono parole esatte del Figlio di Dio, il suo primo insegnamento «di fronte ai suoi discepoli» (Gv 20,30).

 

La testimonianza del Cristo e dei discepoli agli amici di una città particolare

 

Poco prima (Gv 3,11) Gesù aveva detto, a nome suo e dei primi cinque discepoli, alla presenza autorevole di Nicodemo:

«In verità, in verità ti dico che noi (è Gesù stesso, con i suoi discepoli, a certificare)

parliamo di quel che sappiamo (Gesù parla di quello che conosce)

e testimoniamo quel che abbiamo veduto; (i discepoli testimoniano le cose straordinarie che hanno già visto)

ma voi non accogliete la nostra testimonianza».

Chi potevano mai essere questi «voi»? Non certo i discepoli presenti, che avevano creduto in Gesù e si erano affidati a lui legalmente.

Non era nemmeno Nicodemo, da solo, ma alcune persone che non erano presenti e a cui era destinato il discorso dettato dal Maestro Gesù. Non abitavano a Gerusalemme e neppure nei luoghi della Galilea che il Cristo percorreva normalmente.

Da vari indizi si arriva a identificarli con gli abitanti di una città chiamata Gamla, fortezza situata sulle pendici dell'altopiani del Golan, a nord est del Lago di Galilea. Tra i destinatari di quella città c’erano altri maestri della Legge.

 

L'insegnamento

 

Dio è la luce, la vita che non perisce, la carità.

Ha inviato la sua luce agli uomini, mandando il Figlio.

Gli uomini non sono più soli nel loro peccato e nella loro confusione.

Il Figlio, con infinita carità, si farà carico del peccato del mondo e preannuncia che verrà «innalzato» sulla croce per salvare chi crede in lui.

 

 


Iniziativa personale di un laico cattolico, Giovanni Conforti  - Brescia - Italia.

Ciò che è contenuto nel sito può essere usato liberamente.

Si richiede soltanto di mantenerne il significato.