In nome di Maria

 

 

 

Con il Papa

Solidità della Dottrina e della Tradizione

I testimoni della origini

 

 

il primo martire cristiano

 

Il primo martire cristiano è stato Stefano, uno dei sette Diaconi scelti dalla Chiesa di Gerusalemme per aiutare gli Apostoli. I sette appartenevano alla sinagoga degli ellenisti, ebrei o proseliti di lingua greca (Atti 6,5ss).

Stefano:

  • istruito ed educato nelle Scritture antiche;

  • diacono, cioè servitore;

  • testimone di Gesù Cristo;

  • lapidato per aver visto il Figlio dell'uomo (Gesù Cristo) alla destra di Dio, cioè per un fatto concreto di rilievo soprannaturale;

  • ha perdonato chi lo uccideva.

Il suo martirio ci deve servire da insegnamento, perché sappiamo credere ai semplici fatti storici in cui Dio ha operato, alle autentiche e semplici testimonianze storiche, più che ai nostri profondi studi. Deve servire di monito perché i nostri studi più approfonditi ritornino a casa: sulla semplice realtà storica in cui è intervenuto Dio.

A questo ci invita la terza parte del segreto di Fatima. La Madonna ha mostrato la sua preoccupazione per i molti che tengono un comportamento degno dell'inferno. Ha detto che vanno all'inferno perché nessuno prega per loro, ma possiamo aggiungere, alla luce del "segreto": anche perché non c'è chi fa risplendere loro la verità di Gesù Cristo.

Molti altri sono stati testimoni di Cristo con tutta la loro vita.

Nel XX secolo i martiri cristiani sono stati circa 45 milioni, più di due terzi di quanti ce ne sono stati in tutti i venti secoli del Cristianesimo.

E tutti questi martiri non chiedono alcuna vendetta. Nemmeno lo si può immaginare.

Testimoniano semplicemente che Gesù Cristo, incontrato, vale tutta la vita di una persona e che «senza di Lui non possiamo far nulla» (Gv 15,5).

Osservazioni o domande?

 

 


 


Iniziativa personale di un laico cattolico, Giovanni Conforti  - Brescia - Italia.

Ciò che è contenuto nel sito può essere usato liberamente.

Si richiede soltanto di mantenerne il significato.