In nome di Maria

Con il Papa

Solidità della Dottrina e della Tradizione

I testimoni della origini

 

home
- è lecito?
a Fatima
- Rosario
- segreto
- simboli
- disegni di misericordia

"Martiri"
- S. Stefano
- S. Paolo
- Gamla

- motivi ragionevoli

4 Vangeli
- Vangeli storici
- Vangeli, Evangelisti, simboli
- documentazione

- commento Vangelo domenica

- immagini illustrazione Vangeli

Storia dei 4 Vangeli
- form. word
- form pdf
Prologo di Luca
- form. word
- form. pdf

Gesù, il Cristo
- form. word
- form. pdf

- vita pubblica

- video

- luoghi della passione

 

Apocalisse
- form. word
- form. pdf
cronologia
- date del tempo di Gesù
- linea del tempo
- cronologie varie
- linea del tempo della vita di Gesù
- date Giovanni Massaro

esempi di lettura dei Vangeli
- storica
- combinazione
- sinossi
- sinossi e concretezza

scrivi

- domande di bambini e ragazzi

- condivisione


XVII domenica del Tempo Ordinario

- Anno B -

 

indice delle feste

 

Vangelo secondo Giovanni

Gv 6,1-15

 

1 Dopo questi fatti, Gesù passò all'altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, 2e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. 3Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. 4Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei.

5Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». 6Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva quello che stava per compiere. 7Gli rispose Filippo: «Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo». 8Gli disse allora uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: 9«C'è qui un ragazzo che ha cinque pani d'orzo e due pesci; ma che cos'è questo per tanta gente?». 10Rispose Gesù: «Fateli sedere». C'era molta erba in quel luogo. Si misero dunque a sedere ed erano circa cinquemila uomini. 11 Allora Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li diede a quelli che erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, quanto ne volevano. 12E quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: "Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto". 13Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d'orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato.

14Allora la gente, visto il segno che egli aveva compiuto, diceva: «Questi è davvero il profeta, colui che viene nel mondo!». 15Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo.

 

 

Introduzione

 

Vedere l'introduzione generale.

 

I fatti e le Profezie

 

La Pasqua, nel 32, si celebrava a metà aprile.

Questo fatto è presente in tutti e quattro i Vangeli. Ognuno di essi aggiunge particolari che si completano, per testimoniare nel modo più concreto ciò che è veramente accaduto.

Qui sono raccontati diversi momenti che richiamano l'Antico Testamento e mostrano che Gesù in quell'occasione ha compiuto numerose profezie.

Non dobbiamo, invece, cadere nella tentazione di cercare nel racconto simbolismi che in realtà non ci sono. Trattandosi di fatti certificati, sono appunto realizzazioni di profezie antiche. Gesù stesso, con questo segno, inaugurò una sua profezia riguardo a ciò che avrebbe compiuto circa un anno dopo: l'istituzione dell'Eucaristia.

 

Il monte al di là di Betsaida

 

Non è spiegato di quale monte si tratti. Questo «monte» era situato non molto lontano da un altro monte, quello su cui abitavano le persone per le quali l’evangelista Giovanni scriveva le sue testimonianze (Lc 4,42 in Gesù, il Cristo).

Attendevano il Regno di Dio con un desiderio particolarmente vivo e Gesù voleva andare ad annunciare loro che il momento era arrivato.

 

Chi vede i "segni" del Regno di Gesù e chi no

 

I versetti 14 e 15 richiedono una traduzione più letterale dal greco, perché se ne comprenda il senso.

 

[14]Allora gli uomini, considerando il segno che egli aveva compiuto, dicevano: «Questi è davvero il profeta che deve venire nel mondo!».

[15]Ma Gesù, avendo saputo che «stanno per venire a rapirlo per farlo re», si è ritirato di nuovo sulla montagna, tutto solo.

 

Qui entra in scena un gruppo di uomini che hanno visto il “segno” e lo prendono seriamente in considerazione, tanto da voler fare re Gesù. Deve essere dunque un gruppo numeroso e abbastanza potente, ben visto a Gerusalemme e in grado di poter sostenere il re Gesu nella Capitale. Non tutti hanno colto il "segno", infatti il giorno dopo la gente, al di là del lago ossia dalla parte di Cafarnao, non cercava Gesù per aver visto dei segni ma perché speravano che li sfamasse ogni giorno.

Gli uomini che volevano rapire Gesù erano sicuri del fatto loro, potevano venire soltanto dalla città di Gamla, la fortezza naturale situata sul monte a circa otto chilometri di distanza. Le rovine di questa città sono oggi un sito archeologico importante per gli Ebrei.

Ritroviamo quegli stessi uomini attraverso piccoli indizi, in Mt 28,16, quando Gesù risorto arriva sul monte dove aveva dato appuntamento agli Undici.

È anche l’unico gruppo, già aggregato durante i quaranta giorni delle apparizioni di Gesù risorto, che possa essere identificato con i "più di cinquecento fratelli" ricordati in 1 Cor 15,3.

 

I poteri del Re e il suo vero pane del cielo

 

"Lui da solo". Il Vangelo di Marco aggiunge: "a pregare". Gesù è ormai riconosciuto come Re, la gente attende la sua proclamazione. Così il Cristo Re presenta i segni della sua regalità.

Prima dà inizio al miracolo della carità, che continuerà nella Chiesa, con la moltiplicazione dei pani e dei pesci. Poi, da solo sul monte, prega il Padre e con lui protegge il sonno degli esseri umani, pronto a guidarli di nuovo, il giorno seguente, con il suo insegnamento e la sua promessa.

Infine mostra il suo potere sulla natura camminando sull’acqua del lago, incoraggiando gli uomini a una continua ricerca per dominare la natura stessa.

La potenza del Cristo Re era tale, come ha dimostrato quella notte, che non aveva alcun bisogno di metterla a confronto con quella dei “re” di questo mondo. Il suo Regno di verità conferisce sicurezza, pace e vita a chi ascolta le sue parole e le mette in pratica, sotto qualsiasi dominio umano.

 

 


Iniziativa personale di un laico cattolico, Giovanni Conforti  - Brescia - Italia.

Ciò che è contenuto nel sito può essere usato liberamente.

Si richiede soltanto di mantenerne il significato.