In nome di Maria

Con il Papa

Solidità della Dottrina e della Tradizione

I testimoni della origini

 

home
- è lecito?
a Fatima
- Rosario
- segreto
- simboli
- disegni di misericordia

"Martiri"
- S. Stefano
- S. Paolo
- Gamla

- motivi ragionevoli

4 Vangeli
- Vangeli storici
- Vangeli, Evangelisti, simboli
- documentazione

- commento Vangelo domenica

- immagini illustrazione Vangeli

Storia dei 4 Vangeli
- form. word
- form pdf
Prologo di Luca
- form. word
- form. pdf

Gesù, il Cristo
- form. word
- form. pdf

- vita pubblica

- video

- luoghi della passione

 

Apocalisse
- form. word
- form. pdf
cronologia
- date del tempo di Gesù
- linea del tempo
- cronologie varie
- linea del tempo della vita di Gesù
- date Giovanni Massaro

esempi di lettura dei Vangeli
- storica
- combinazione
- sinossi
- sinossi e concretezza

scrivi

- domande di bambini e ragazzi

- condivisione


XIII domenica del Tempo Ordinario

- Anno C -

 

indice delle feste

 

 

Dal vangelo secondo Luca

Lc 9,51-62

 

51 Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, egli prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme 52e mandò messaggeri davanti a sé. Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l'ingresso. 53 Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. 54Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: "Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?". 55Si voltò e li rimproverò. 56E si misero in cammino verso un altro villaggio.

57 Mentre camminavano per la strada, un tale gli disse: "Ti seguirò dovunque tu vada". 58E Gesù gli rispose: "Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell'uomo non ha dove posare il capo". 59A un altro disse: "Seguimi". E costui rispose: "Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre". 60Gli replicò: "Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va' e annuncia il regno di Dio". 61Un altro disse: "Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia". 62Ma Gesù gli rispose: "Nessuno che mette mano all'aratro e poi si volge indietro è adatto per il regno di Dio".

 

 

Introduzione

 

Vedere l'introduzione generale.

 

Traduzione difficile

 

Questo brano ha un particolare valore storico, ma richiede una traduzione più letterale:

 

(51)Avvenne quando si compirono i giorni per assumere (ufficialmente) il suo incarico: egli stabilì il (vessillo con lo) stemma (della sua regalità) per andare a Gerusalemme.

(52)E mandò dei messaggeri davanti al suo stemma. Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per fare i preparativi per lui.

(53)Ma essi non vollero riceverlo, perché il suo stemma era diretto a Gerusalemme.

(54)Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?».

(55)Ma Gesù si voltò e li rimproverò. (56)E si avviarono verso un altro villaggio.

(57)Mentre andavano per la strada, un tale gli disse: «Ti seguirò dovunque tu vada».

(58)Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo».

(59)A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, concedimi di andare a seppellire prima mio padre».

(60)Gesù replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu va’ e annunzia il regno di Dio».

(61)Un altro disse: «Ti seguirò, Signore, ma prima lascia che io mi congedi da quelli di casa».

(62)Ma Gesù gli rispose: «Nessuno che ha messo mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio».

 

Tempo decisivo

 

Il momento ricordato in questo brano di Luca è da situare in maggio dell’anno 32, circa tre anni e tre mesi, equivalenti a 40 mesi ebraici, dopo il Battesimo al fiume Giordano e i quaranta giorni nel deserto.
Gesù ha appena assunto ufficialmente il suo ruolo di Messia, o Cristo, Re:

 

Avvenne quando si compirono i giorni per assumere (ufficialmente) il suo incarico: egli stabilì il (vessillo con lo) stemma (della sua regalità) per andare a Gerusalemme.

 

Ormai è iniziato il tempo decisivo. In seguito il Cristo Re si reca a Gerusalemme per ogni festa importante e tutti seguono molto attentamente i suoi spostamenti.

Siccome la sequenza degli avvenimenti storici narrati da Luca non si trova in Matteo e Marco, si deve supporre che in questo periodo Luca stia seguendo Gesù. Lui e il sacerdote Teofilo hanno provveduto a ratificare lo “stemma” che Gesù ha stabilito per il suo vessillo regale; quindi è probabile che l’evangelista possa essere andato in Galilea per consegnare ciò che è stato stabilito.

 

Entusiasmo e pregiudizio

 

«Ti seguirò dovunque tu vada». Si deve immaginare che la persona che disse questa parole fosse giovane. Già immaginava quali vantaggi poteva ottenere mettendosi al seguito di un re.

Quando mai si era visto un re che compiva miracoli per i malati e che non faceva alcuna distinzione tra ricchi e poveri? Tutti potevano ambire a fare parte del suo seguito.

Ma il Cristo Re si presenta indipendente da ogni condizionamento.

Era facile temere che, se il Cristo Re non aveva una reggia da cui dominare, nemmeno i suoi seguaci potessero avere una situazione stabile.

In realtà Gesù Cristo non temeva alcuna situazione, né la compagnia di alcuno; non aveva difficoltà a incontrare gente di qualunque cultura.

Nemmeno i suoi seguaci hanno di questi problemi, se però ascoltano e imitano lui. In questo modo sanno distinguere ciò che è vero da ciò che è falso, sanno prendere ciò che è valido, da qualsiasi parte provenga. Si rinnovano prendendo occasione dall’incontro con le diverse culture, ma il vero rinnovamento si realizza approfondendo continuamente le parole e le azioni di Gesù e mettendole alla prova delle idee e delle situazioni sempre nuove.

 

Sacrifici per il Regno

 

«Signore (Re), permettimi di andare prima a seppellire mio padre». È una richiesta di pietà verso i defunti.

Ma annunciare il Regno di Dio è una carità più grande verso tutti, anche verso il padre morto. Con Gesù non si dimentica certamente di pregare per il suffragio dei cari defunti. In realtà, quando si chiede per loro “l’eterno riposo”, si chiede e si può ottenere “la vita eterna, piena e senza limiti, nel giardino del Regno di Gesù”. Non dimentichiamo che ha affermato: «Nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto». La vita di ciascuno è nelle sue mani e in quelle del Padre suo e da lì nessuno la può strappare.

Il Re sembra chiedere un sacrificio e una insensibilità apparenti, ma ci assicura vita e pietà infinitamente più vere.

 

Indipendenza e dignità personale

 

«Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia». Anche questa è una richiesta che esprime delicatezza naturale.

Però si può facilmente immaginare che chi ha parlato così fosse molto giovane, che volesse approfittare dell’occasione, ma che non si fosse mai allontanato da casa. Aveva timore di cambiare abitudini, non si sapeva staccare dalla situazione comoda in famiglia.

Per salutare ci poteva essere un altro momento e i suoi stessi familiari avrebbero approvato la sua decisione di seguire questa opportunità che gli si era presentata.

Non è un incoraggiamento a lasciare la famiglia, senza avere una vocazione e una situazione stabile. Infatti stava per seguire il Signore, il Re dei re, e iniziava per lui una vita molto significativa. Doveva solo diventare indipendente dalla famiglia.

 

 

 


Iniziativa personale di un laico cattolico, Giovanni Conforti  - Brescia - Italia.

Ciò che è contenuto nel sito può essere usato liberamente.

Si richiede soltanto di mantenerne il significato.