In nome di Maria

 

 

 

Con il Papa

Solidità della Dottrina e della Tradizione

I testimoni della origini

 

 

LA REGINA DEL ROSARIO -

IL SUO SOCCORSO

 

Maria, per poter soccorrere il mondo, in particolare i credenti in Dio, ha chiesto che si reciti la Corona del Rosario. È una preghiera che la Chiesa possiede almeno dal XII secolo, ma la Madonna stessa vi ha accordato un'efficacia fondamentale.

Tutte le apparizioni di Fatima e il segreto stesso convergono verso la preghiera del Rosario.

È questo l'intervento del Cuore Immacolato di Maria. Tuttavia la Regina del Rosario attinge ai tesori che ci hanno lasciato i testimoni, i martiri.

Gli effetti che il Cielo promette sono illustrati dal "Miracolo del Sole": la luce del sommo ed eterno sacerdote Gesù Cristo non più abbagliante e lontana per molti, ma concreta e più popolare anche oggi; un rinnovarsi di luce meravigliosa sulla realtà; pentimento dei peccati...

Immagini che rievocano quelle dell'Apocalisse e attraverso le quali Maria offre pace, serenità, speranza.

La Madonna ci offre così alimento per iniziative sorprendenti, scienza più umana, modo nuovo di lavorare, cultura più concreta, civiltà che si rinnova...

Tutto questo ha ricevuto impulso con il Concilio Ecumenico Vaticano II, dopo il 1960.

Osservazioni o domande?

Regina

 

Come pregare il Rosario?

 

CONTEMPLARE

PREGARE

DECIDERE

MISTERI

GAUDIOSI

MISTERI

DELLA LUCE

MISTERI

DOLOROSI

MISTERI

GLORIOSI

 

Regina

 

La Signora, apparendo a Fatima il 13 ottobre 1917, disse a Lucia: «Sono la Madonna del Rosario».

"Madonna" significa "Signora" e, possiamo anche dire: "Regina".

Maria, in questa frase, ha nascosto significati sorprendenti. Ad esempio: Lei regna se noi recitiamo il Rosario; regna attraverso la meditazione dei fatti storici della vita di Gesù Cristo, attraverso la testimonianza storica; regna nei momenti concreti della vita quotidiana di ciascuno...

Attraverso ciascun fedele, Lei rende più buono il mondo.

«Sono la Madonna (che è venerata nei misteri) del Rosario». È venuta a visitare il mondo, perché il mondo conosca quale splendore ha ottenuto in lei la natura umana. È venuta a rendere attuale quello che suo Figlio ha detto e ha fatto venti secoli fa. Quegli avvenimenti non possono ripetersi, perché Gesù ha fatto bene ogni cosa in quegli anni; la Regina del Rosario li riporta nella nostra vita quotidiana con le sue parole e i suoi gesti.

L'illustrazione, con parole e immagini, dei fatti storici evangelici, coniugata in tutti i modi avvincenti, può rendere viva la testimonianza su Gesù Cristo per chi è molto attivo e può riflettere poco, anche per i bambini.

Il Rosario, con i misteri storici, è la Verità sull'universo, è una Persona viva nel mondo. È verità raccontata con semplicità e precisione storica, in piccoli episodi. Questa fa vivere e non fa perdere tempo.

Altre realtà ci fanno invece perdere tempo e non aiutano granché a vivere: la scienza presuntuosa, che sembra l'unica verità; le passioni e le emozioni forti che vengono esaltate per illudere che la vita abbia una dignità senza religione; i profondi ragionamenti costruiti dagli uomini per evitare il confronto con la semplice realtà di Gesù Cristo.

Nella "società complessa" può succedere di tutto, si può dire di tutto, ma la Regina, attraverso il Rosario, ci tiene saldi alla Roccia che è il Cristo storico, Figlio di Dio.

Forse non era "complessa" la realtà di Gerusalemme, quando il Cristo fece il suo ingresso e fu proclamato Re, senza che i Romani lo ostacolassero?

Ricordiamo però che il suo Regno non è uno dei tanti di questo mondo.

SU

Come pregare il Rosario?

 

In particolare per un fedele laico, preso da molte occupazioni, il Rosario può assumere forme diverse: invece di dieci Avemaria se ne possono recitare tre, cinque; si possono sostituire con invocazioni alla Madonna...

Si può distribuire la preghiera lungo la giornata: durante il viaggio, quando il lavoro lo permette, nei momenti di pausa, nelle situazioni difficili...

Non è del tutto bene cercare il silenzio e il raccoglimento, perché il Rosario è ripetitivo proprio perché lo si possa pregare a mente in mezzo al traffico della vita quotidiana, nella confusione, nelle compagnie dove non sembrerebbe possibile pregare, nei pericoli. Non occorre fare attenzione a ogni parola che si recita.

È la possibilità di riflettere sul momento che si vive, illuminandolo con i fatti di Gesù Cristo e con le apparizioni storiche di Maria.

L'importante è pensare al contenuto del mistero, mentre si prega, e confrontarlo con la circostanza che si sta vivendo.

Ricordare i misteri della fede, che sono fatti storici-soprannaturali, e pregare, mentre siamo immersi nell'attività, è il modo più semplice per trovare idee e prendere decisioni che rendano migliore la situazione, l'ambiente in cui viviamo, il mondo.

  

Schema del Rosario

  

1 -Segno della Croce, dicendo: «O Dio, vieni a salvarmi - Signore, vieni presto in mio aiuto!»;

2 - Gloria al Padre...;

3 - Lodato sempre sia - il Santissimo Nome di Gesù, Giuseppe e Maria;

4 - «Gesù, perdona le nostre colpe, preservaci dal fuoco dell'inferno, porta in Cielo tutte le anime e soccorri specialmente le più bisognose (della tua misericordia)»;

5 - Nel (primo) mistero (gaudioso) si contempla (l'Annunciazione dell'Angelo a Maria);

6 - Padre Nostro...;

7 - Ave, Maria... (10 volte, o un numero diverso).

8 - Si ripetono i passaggi dal 2 al 7, per il numero dei misteri che vogliamo contemplare, di solito i 5 di un tipo.

9 - Poi si ripetono i passaggi dal 2 al 4 e si recita: Salve Regina...;

10 - quindi le Litanie.

SU

 

CONTEMPLARE

 

Da vari secoli la Chiesa insiste che si preghi con il Rosario.

Qual è la nuova efficacia promessa a Fatima?

È che Maria vuole farci sentire più vicino Gesù, suo Figlio, mentre contempliamo i Misteri del Rosario. Infatti ogni mistero ricorda un fatto storico in cui il Cristo manifestò la potenza di Dio, con le parole e le azioni.

Per mezzo di quegli avvenimenti anche Maria ottenne di diventare Regina del Cielo e della Terra e acquistò meriti infiniti, insieme al Figlio.

Ora, Lei è la Regina del Rosario, la Regina che vuole riaccendere in noi il bisogno di riscoprirequanto sono veri e concreti i fatti ricordati nei Misteri, perché possiamo immergerci in quella realtà ed essere rinnovati.

Nel "terzo segreto" Maria vuole suggerirci che riceveremo un aiuto determinante dalle testimonianze ("sangue") dei Martiri. Ma ricordiamo che "martiri" significa "testimoni", per cui le testimonianze principali sono quelle degli Evangelisti, che hanno scritto i quattro Vangeli.

Conosciamo, in qualche modo, i Vangeli e sembra impossibile che dopo venti secoli riescano a dare ancora qualcosa di nuovo al mondo. Il "terzo segreto" però ci indica qualcosa che, restituendoci tutta la dignità storica dei Vangeli, ci restituisce anche tutta la concretezza storica di Gesù.

Un uomo, che ci ha parlato da Dio e che ha compiuto opere divine, è una novità e uno stimolo continuo, per tutti i secoli, se siamo sicuri di quello che ha detto e ha fatto.

Il Cuore Immacolato di Maria vuole che raggiungiamo questo, utilizzando tutte le nostre capacità e affinandole con la preghiera e la contemplazione.

Il Rosario, dunque, è una preghiera vigorosa che ci rende partecipi della grazia e della verità di quegli avvenimenti.

Le testimonianze storiche permettono alla nostra anima, che nel mondo fa tutto attraverso il corpo, di conseguire i frutti di ciò che Gesù Cristo ha compiuto nella carne, per la nostra vita eterna.

Permettono di incontrare immediatamente Gesù Cristo, senza bisogno di essere particolarmente istruiti, e ci permettono di essere sostenuti in ogni momento dalle parole che ha detto e dal suo modo di comportarsi.

Le testimonianze sono come acqua che rende fresca e vigorosa la vita di chi cammina verso Dio, così che la vita diventa a sua volta una testimonianza naturale per il mondo.

Cristo agiva in una situazione dove c'erano alcuni ricchi, molti pieni d'iniziativa, numerosi poveri. Erano attaccati alla Legge di Mosè, ma spesso non l'interpretavano bene o non l'osservavano. Ne risultava una società complessa, dove la vita non era sicura. Lì il Maestro realizzò la volontà del Padre, con la forza dello Spirito Santo. La società di oggi, di fronte alla potenza dei cuori di Gesù e di Maria, non è più complicata di quella di allora.

La frase di Gesù «sono venuto perché abbiano vita e l'abbiano in abbondanza» significa che Gesù dava ai suoi discepoli, che erano per la maggior parte giovani, una grande carica di vita. La potremo ritrovare, se leggiamo i Vangeli tenendo presenti le situazioni concrete in cui avvennero i fatti; altrimenti, a prima vista, non ci viene comunicata questa abbondanza di vita.

La Madonna, come è apparsa a Fatima, è il "risultato" dei fatti di venti secoli fa. Un così splendido risultato è proprio ciò che occorreva oggi al mondo, per "vedere di nuovo" i fatti della vita di Gesù Cristo. Ogni particolare delle apparizioni è prezioso.

SU

PREGARE

 

Il Rosario è fatto di rievocazioni di avvenimenti storici, di tempo per meditarli e per immergerci in essi mentre recitiamo le Avemaria.

Mentre preghiamo ricordiamo che cosa hanno donato al mondo quegli avvenimenti: la Chiesa, il Padre Nostro, i Sacramenti, la verità, la carità, la promessa della vita eterna, la protezione della Vergine Maria.

In particolare la preghiera del Padre Nostro, che sembra così difficile, è stata insegnata da Gesù ai discepoli perché avessero un vero contatto con la Trinità. Se ricordiamo la situazione storica concreta in cui il Maestro e Signore l'ha insegnata, e quale potenza Lui aveva, ci sentiamo in sua compagnia. È lui che prega con noi e noi, pregando, viviamo una realtà soprannaturale della quale non abbiamo bisogno di capire ogni parola.

Quei fatti sono sufficientemente testimoniati, perché ci possiamo riferire sempre a essi e perché possiamo comprendere realmente quello che Gesù ha detto: «Senza di me(, Dio ma anche uomo,) non potete far nulla» (Gv 15,5).

Lei, nostra Regina, ci è vicina nelle decisioni che potremmo assumere pregando.

SU

DECIDERE

 

Ecco: mi sembra che al nostro Rosario manchino proprio alcuni momenti in cui prendere decisioni, da soli o in gruppo, per noi stessi o per la comunità; momenti nei quali decidere come mettere in pratica le parole di Gesù Cristo e prendere luce dalle sue opere per «costruire la nostra casa sulla roccia»;  momenti per comunicare esperienze che siano di aiuto gli altri nelle decisioni; momenti per comunicare problemi o decisioni, magari con il telefono o con internet, ad altri riuniti a pregare.

Propongo dunque uno schema con i tre passaggi elencati, che permetta di trovare sempre nuove applicazioni e confronti con tutto il Vangelo, partecipando così alle diverse situazioni storiche della vita di Gesù.

SU

Litanie della Beata Vergine

 

Signore, pietà

Signore, pietà

Cristo, pietà

Cristo, pietà

Signore, pietà

Signore, pietà

Cristo, ascoltaci

Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici

Cristo, esaudiscici

 

Padre celeste, Dio,

abbi pietà di noi

Figlio Redentore del mondo, Dio,

abbi pietà di noi

Spirito Santo, Dio,

abbi pietà di noi

Santa Trinità, unico Dio,

abbi pietà di noi

 

Santa Maria,

prega per noi

Santa Madre di Dio

Santa Vergine delle vergini

Madre di Cristo

Madre della Chiesa

Madre della divina grazia

Madre purissima

Madre castissima

Madre sempre vergine

Madre immacolata

Madre degna d'amore

Madre ammirabile

Madre del buon consiglio

Madre del Creatore

Madre del Salvatore

Vergine prudente

Vergine degna di onore

Vergine degna di lode

Vergine potente

Vergine clemente

Vergine fedele

Specchio di perfezione

Sede della sapienza

Fonte della nostra gioia

Tempio dello Spirito Santo

Tabernacolo dell'eterna gloria

Dimora consacrata di Dio

Rosa mistica

Torre della santa città di Davide

Fortezza inespugnabile

Santuario della divina presenza

Arca dell'alleanza

Porta del cielo

Stella dei mattino

Salute degli infermi

Rifugio dei peccatori

Consolatrice degli afflitti

Aiuto dei cristiani

Regina degli angeli

Regina dei patriarchi

Regina dei profeti

Regina degli apostoli

Regina dei martiri

Regina dei confessori della fede

Regina delle vergini

Regina di tutti i santi

Regina concepita senza peccato

Regina assunta in cielo

Regina del Rosario

Regina della famiglia

Regina della pace

 

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,

perdonaci, Signore.

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,

esaudiscici, Signore.

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,

abbi pietà di noi.

 

a cura di Giovanni Conforti

Aggiornato il 22 novembre 2007

 


 


Iniziativa personale di un laico cattolico, Giovanni Conforti  - Brescia - Italia.

Ciò che è contenuto nel sito può essere usato liberamente.

Si richiede soltanto di mantenerne il significato.